Saluti dal cuore di Taranto è la prima collezione di cartoline della città vecchia contemporanea, così com’è ora a luglio 2014, con le sue bellezze e i suoi orrori, osservata e fotografata da ragazzini che la abitano quotidianamente. Ventidue scatti fotografici per raccontare il presente e immaginare il futuro.
Per approfondire:
http://alessandraguttagliere.tumblr.com/instrada

Saluti dal cuore di Taranto è la prima collezione di cartoline della città vecchia contemporanea, così com’è ora a luglio 2014, con le sue bellezze e i suoi orrori, osservata e fotografata da ragazzini che la abitano quotidianamente. Ventidue scatti fotografici per raccontare il presente e immaginare il futuro.

Per approfondire:

http://alessandraguttagliere.tumblr.com/instrada

The cleaning project#2
http://alessandraguttagliere.tumblr.com/thecleaningproject

The cleaning project#2

http://alessandraguttagliere.tumblr.com/thecleaningproject

The cleaning project (2014)
Guarda la collezione completa: 
http://alessandraguttagliere.tumblr.com/thecleaningproject

The cleaning project (2014)

Guarda la collezione completa: 

http://alessandraguttagliere.tumblr.com/thecleaningproject

Fragment#1 Gli sposi d’Alton/Muto
http://alessandraguttagliere.tumblr.com/fragmentspapierscolles

Fragment#1 Gli sposi d’Alton/Muto

http://alessandraguttagliere.tumblr.com/fragmentspapierscolles

La mia misura del tempo si basa sui progressi che faccio all’altalena. La sagoma scura della fronda dell’albero di fronte a me, devo toccarla con la punta del piede. Devo.

La mia misura del tempo si basa sui progressi che faccio all’altalena. La sagoma scura della fronda dell’albero di fronte a me, devo toccarla con la punta del piede. Devo.

L’estate di Alessandro
(e sua madre)
Immagini del presente e di un minuto prima del presente.
Collezione completa:
http://alessandraguttagliere.tumblr.com/fotografia

L’estate di Alessandro

(e sua madre)

Immagini del presente e di un minuto prima del presente.

Collezione completa:

http://alessandraguttagliere.tumblr.com/fotografia

Mi perdo con la costanza di sei mesi, ma ora non ricordo la cadenza. Neanche una canzone ricordo, neanche quella. quella che mi salva quando vedo che non ho dimenticato. Mi ricordo il rosmarino, mi vergogno, non ricordo. Mi guardo e mi disegno, non mi trovo, sono nuova, sempre nuova. Ho pensato che anche tu mi abbia scordato. Lo strumento del ricordo senza suono non ha senso. cosa suona il tuo passato? il mio forse un arco a botte, che rimbomba nel salotto.

Mi perdo con la costanza di sei mesi, ma ora non ricordo la cadenza. Neanche una canzone ricordo, neanche quella. quella che mi salva quando vedo che non ho dimenticato. Mi ricordo il rosmarino, mi vergogno, non ricordo. Mi guardo e mi disegno, non mi trovo, sono nuova, sempre nuova. Ho pensato che anche tu mi abbia scordato. Lo strumento del ricordo senza suono non ha senso. cosa suona il tuo passato? il mio forse un arco a botte, che rimbomba nel salotto.